fbpx
Preloader image

La guida definitiva per l’abito da sposa perfetto

 

Come cominciare un articolo che parla di una guida definitiva per l’abito da sposa perfetto? Forse il modo migliore è dire subito che non esiste una guida definitiva e tantomeno la perfezione.

Detto ciò parleremo dei fattori decisivi nella scelta di un abito da sposa e ci concentreremo su alcuni punti. Cominciamo subito!

 

Prima di tutto, non esiste una donna uguale ad un’altra e tracciare dei principi generalisti non è il massimo, per questo prendere coscienza della nostra unicità è il primo passo per accostarsi a quello che sarà il vostro abito da sposa.

Purtroppo girando per le bridal boutique noterete che non tutto starà bene sul vostro corpo e ancor meno rispecchierà la vostra personalità. Chi accogliendovi in un negozio vi riempirà costantemente di complimenti, vi sta mentendo, sappiatelo! Scappate!

Un approccio più costruttivo è quello di conoscere la futura sposa il più possibile nel breve tempo che si trascorre insieme, quindi è assolutamente auspicabile che cerchiate di comunicare al meglio non solo la vostra idea di matrimonio, ma anche la vostra personalità riferita ad un abito così importante. Vi piace essere comode? Volete essere super eleganti? Fresche? Dinamiche? Oppure più classiche? È dovere di chi vi sta difronte ascoltarvi e comprendervi, anche se questo spesso non succede.

 

Altro punto importante: siete delle stangone di un metro e ottanta da fare invida a Gigì Hadid? Bene, se la risposta è sì, potete anche smettere di leggere questo blog! Ma se invece siete una comune mortale che quando si alza dal letto deve rimettere insieme i pezzi, allora dovrete fare i conti con una faticosa verità: non tutti gli abiti da sposa sono fatti per voi, anzi molti vi staranno male e scegliere il modello che meglio esalta la vostra silhouette è il grosso del lavoro e anche se vi piace la sirena non è detto che possiate indossarla. Mentre Gigì potrà indossare anche l’abito a “cozza”!

 

Strettamente collegato al punto precedente è la vestibilità, si perché scelto il modello che più vi piace e che meglio vi valorizzi, sicuramente questo va riadattato al proprio corpo, chiaramente per quanto ci riguarda il problema non sussiste, visto che nel nostro atelier ogni sposa proverà solo dei campioni e poi il proprio abito verrà creato su misura, facendo della vestibilità il nostro punto di forza, nel tentativo reale di avvicinarci alla perfezione. Purtroppo però questo non accade nelle bridal boutique, dove ci saranno delle taglie standard che, se vi andrà bene, saranno risistemati da una sartoria interna, ma nella maggior parte dei casi tenteranno di convincervi che vi veste benissimo e la cosa più incredibile è che voi, prese dall’emozione, sarete le ultime ad accorgervi dei difetti dell’abito. Per fortuna non va sempre così, ci sono sicuramente tanti professionisti che sapranno consigliarvi al meglio, che vivono questo lavoro con la nostra stessa passione, ma fidatevi, un abito da sposa su misura è il top, non c’è discussione.

 

Altro argomento: sapete riconoscere i materiali di cui è composto il vostro abito? Sapete distinguere un pizzo francese da uno di bassa qualità? Credete che sia facile distinguere un sintetico da una pura seta? Avete idea di quanti tulle di diversa qualità e consistenza esistono? Purtroppo è molto difficile barcamenarsi nel mondo dei tessuti e a meno che non siate delle intenditrici, state comprando un capo costosissimo quasi al buio e quando il prezzo si abbassa troppo, in chiesa state lontano dalle candele, tutto potrebbe svanire più velocemente del vestito di cenerentola dopo la mezzanotte!

In un atelier, inteso come “laboratorio di moda”, questo non accade, perché sarete voi, a scegliere i materiali migliori dagli appositi campionari e non solo avrete una elevata capacità di scelta e personalizzazione, ma verrete a conoscenza della composizione di ogni singolo materiale usato.

 

 

Infine il punto più caldo e spinoso, il prezzo! Lo so, tutte ormai siamo costantemente su Zalando sperando di beccare l’offerta del secolo, ma almeno una volta nella vita ragioniamo in maniera diversa, concediamoci un vero lusso. La qualità, quella vera, si paga, non necessariamente uno sproposito, ma il tempo che si passa nel creare un abito su misura, la cura per ogni particolare fatto a mano, ha un costo, non solo in termini di lavoro sartoriale, ma anche per lo studio creativo e le idee che ci sono dietro, non capire questo significa non riconoscere l’alta artigianalità made in Italy.

Poi ci sono i prodotti industriali, alcuni di ottima qualità, che pagherete molto caro per via del brand, altri più cheap che costeranno meno, fino ad arrivare ai prodotti davvero dozzinali e in quel caso… occhio sempre alle candele in chiesa!

Ognuno è giusto che spenda secondo le proprie possibilità, alla fine la cosa più importante è che la coppia che deciderà di sposarsi si ricordi di quel giorno per quello che provano l’uno per l’altro. Ma siete sicure di non stare spendendo uno sproposito per delle bomboniere?! Siate furbe, l’abito da sposa è uno degli ultimi piaceri del tutto personali che una donna si concede, se proprio dovete destinare qualcosa in più su un aspetto del vostro matrimonio fatelo per voi stesse, perché un giorno guardandovi in una foto del vostro matrimonio, sarà stupendo dire che eravate bellissime!